12 Ottobre 2020

Usare l’Influencer Marketing per coinvolgere gli acquirenti e misurare gli impatti nel mercato del largo consumo

Il passaparola è sempre stato importante all’interno dei processi d’acquisto. Con circa 3,6 miliardi di utenti social oggi in tutto il mondo, i social media e l’influencer marketing si stanno dimostrando un’ottima scelta per quei brand che vogliono allargare la loro audience.

L’opportunità dell’influencer marketing sui social media

Nel nostro Consumer Insight Report 2020, abbiamo visto come il 38% dei consumatori spesso scopra nuovi marchi e prodotti attraverso i social media; il 35% ha deciso di fare un acquisto d’impulso per via di qualcosa visto sui social. Con il 30% di consumatori (di cui il 51% millennial) che si dice disposto a provare nuovi prodotti raccomandati degli influencer[1], non sorprende che i brand stiano guardando a nuove modalità di collaborazione con gli influencer per raggiungere e coinvolgere i consumatori.

Misurare l’impatto delle collaborazioni Brand – Influencer

Una delle grandi sfide che i brand devono affrontare è come misurare l’impatto delle collaborazioni sviluppate con gli influencer. Quando un influencer produce contenuti per un brand può essere complesso attribuire un valore monetario a quel determinato contenuto. Un modo per aggirare il problema è incorporare codici sconto univoci che permettono ai brand di tracciare le vendite dirette provenienti da ogni collaborazione e al contempo misurare con precisione il ROI corrispondente a ciascun influencer.

Questa attribuzione è semplice per quei brand che commercializzano i propri prodotti su store proprietari o su siti di eCommerce di terzi, ma decisamente più difficoltosa per quelli che hanno una distribuzione mediata da supermercati e negozi fisici.

 

Usare buoni sconto spendibili nei negozi all’interno di campagne con influencer

Grazie a strumenti come coupon mobile, landing page con URL personalizzate, coupon da stampare a casa con codici univoci, offriamo diverse possibilità ai brand per aiutarli a coinvolgere potenziali acquirenti.

Un brand internazionale del settore food ha collaborato con noi per creare un incentivo digitale con l’obiettivo di incrementare le registrazioni al suo database clienti. Per fare questo, il brand ha coinvolto nell’operazione 20 “nano” e “micro influencer” in linea con il suo posizionamento. A ciascun influencer è stato fornito un buono sconto univoco da condividere su Instagram con i rispettivi follower. Per redimere il buono, gli utenti dovevano cliccare su dei link personalizzati e fornire il loro indirizzo email a cui veniva poi inviato un buono da stampare a casa. Ogni coupon poteva quindi essere ricondotto all’influencer che lo aveva promosso, rivelando così quale collaborazione avesse portato i migliori risultati. Grazie a questa attività, il nostro cliente è stato in grado di incrementare dell’11% il suo database consumatori.

 

Allo stesso modo, abbiamo collaborato con un brand leader nel settore haircare per aumentare le vendite dei prodotti attraverso Instagram sfruttando una meccanica simile a quella già esposta. Anche in questo caso, abbiamo fornito a 5 influencer specializzati in beauty e haircare delle URL personalizzate che potevano postare all’interno delle loro bio (brevi descrizioni del profilo Instagram). Inoltre, gli influencer hanno poi creato dei post promuovendo il brand in questione per comunicare ai follower la possibilità di ottenere questo sconto esclusivo. Gli utenti dovevano quindi semplicemente cliccare sul link e lasciare la propria email a cui il buono veniva prontamente spedito.

Nel corso di entrambe le due campagne, i consumatori potevano poi impiegare i buoni in qualsiasi negozio coinvolto nella distribuzione nazionale del brand. Con il lancio di nuove modalità distributive full digital come ad esempio il C2C (coupon to card), pensiamo che simili opportunità di collaborazione non potranno che incrementare nei prossimi mesi.

 

[1] https://resources.valassis.com/landing-pages/journey